Kilchoman Madeira

Kilchoman MadeiraGli affinamenti “vinosi” non sono certo una pratica nuova nelle distillerie e Kilchoman non è da meno: dopo Sauternes (assaggiato QUI) e Porto è arrivato il momento del Madeira.
Per chi non lo sapesse, il Madera è un vino liquoroso prodotto nell’omonimo arcipelago in Portogallo fin dal 1600. La base è un classico vino ottenuto da uve Verdelho e Malvasia, a cui veniva aggiunto zucchero di canna o Alcol come “rinforzo” per consentirgli, durante i viaggi, una maggiore durata e mantenimento delle caratteristiche. Si accorsero però che chiuso nelle botti, con l’alta temperatura questo vino non peggiorava… anzi.
Oggigiorno il vino viene scaldato artificialmente per alcuni mesi a temperature che si aggirano intorno ai 50°C in grandi contenitori detti “estufas” (stufe). Questa pratica consente una veloce maturazione ed un’ossidazione ottenendo il tipo sapore madeirizzato.
Si tratta di un vino incredibilmente longevo, capace di mantenere le caratteristiche per anni anche dopo aver aperto la bottiglia o se ben conservato, durare secoli.
Kilchoman non ha scelto di fare un affinamento di qualche mese, ma di far invecchiare interamente il distillato in queste botti per ben 4 anni. Un distillato molto giovano quindi, ma in queste botti una maturazione eccessiva avrebbe forse snaturato il prodotto.

Kilchoman Madeira Special Release 2015, imbottigliato a 50% Vol; 6100 bottiglie prodotte.

Naso
beh al naso io trovo una golosa dolcezza di base, un fumo delicatissimo, note di frutta candita, vino madeirizzato (ma va?), cereali, torta

Palato
In bocca lo trovo morbido, caldo e avvolgente. Si percepisce bene il malto, prugne secche , caramello tostato

Finale che tende all’amaricante con ricordi di arachidi e leggermente balsamico

Bicchiere del giorno dopo
Torta di mele e caramello in un arcobaleno di frutta candita
Vabeh… a me Kilchoman piace come lavora… l’ho detto e lo ribadisco anche in questo caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *